Stato e chiesa in articulo mortis

Il Corriere della sera ospita oggi un articolo di Marco Gasperini su Il confessore di Cavour, un romanzo storico di Lorenzo Greco (storico di professione, insegna all’università di Pisa).

Il “caso” della “morte da buon cattolico”, con tanto di estrema unzione e assoluzione, di Cavour è ovviamente noto, specie i suoi risvolti pubblici (politici). Meno nota la figura e il vissuto del confessore Fra Giacomo da Poirino: l’articolo lo dipinge con i tratti dell’uomo dai principi rigorosi, capace di difendere la propria libertà di coscienza.
Lo scontro giurisdizionale tra Stato e Chiesa era forte già nel Piemonte sabaudo preunitario e costituzionale, e non era la prima volta che emergeva, significativamente, all’incrocio tra vita pubblica e privata, nel momento cioè della morte di un personaggio politico. Da ricordare il caso del ministro Pietro de’ Rossi di Santarosa che morì senza i conforti religiosi, avendo l’arcivescovo di Torino monsignor Fransoni proibito al clero di somministrarglieli. Colpa del de’ Rossi, l’aver sottoscritto le leggi Siccardi. L’atto costò caro al Fransoni che fu prima imprigionato nel forte di Fenestrelle, poi esiliato a Lione. Da leggere sulla vicenda i versi di Arnaldo Fusinato (l’autore della famosa Ode a Venezia, sulla disperata difesa della Repubblica di San Marco del 1848/9) intitolati A monsignor Fransoni. La lettura vale la pena (il testo è qui).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Laicità, Politica/Società, Storia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...