L’italiano è il ragionare

avallare_cases

Tra gli obbrobri linguistici, ormai passati al rango di psittacismi, che allignano sulle pagine di giornali e libri, e pure di accademica fattura, c’è l’uso di avvallo (avvallare etc.) per avallo (avallare etc.). Fateci caso.
Sicché il gioco di parole di Cesare Cases sarebbe oggi incomprensibile a molti di coloro che scrivono libri e articoli.

No, non è pedanteria.

Sovviene Sciascia (Una storia semplice):

Il magistrato scoppiò a ridere. «L’italiano: ero piuttosto debole in italiano. Ma, come vede, non è poi stato un gran guaio: sono qui, procuratore della Repubblica…».

«L’italiano non è l’italiano: è il ragionare» disse il professore. «Con meno italiano, lei sarebbe forse ancora più in alto».

La battuta era feroce. Il magistrato impallidì. E passò a un duro interrogatorio.

La battuta del professore detta da Volonté:

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Indefinita e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...