Descartes, Freud e il confutatore interno

Anche Freud evoca e mette al lavoro il suo genio maligno.

Quello di Descartes è evidentemente un demone da Auerbachs Keller, un poverazzo rispetto al Dio ingannatore che, appena evocato e nominato, è subito sostituito da questo Mefistofele. Si legga con attenzione la prima Meditazione sulla filosofia prima e non ci si lasci fuorviare dal gioco di bussolotti: sotto le mani del filosofo dio, che può tanto essendo in primo luogo creatore ex nihilo,  è sostituito dal genio maligno. Descartes avvisa dello scambio , lo dichiara, e tuttavia la mossa può non essere notata con la dovuta attenzione. Ironia, o forse lapsus, l’autore introduce il mauvais génie accusandone la potenza: lo dice “potentissimo” “a tal segno potente”… Forse mai l’intuizione che vuole il fatto darsi in proporzione inversa alla parola ebbe più precisa convalida.

Anche Freud scrittura un suo genio maligno, un oppositore che è un docile impiegato, con i suoi limiti segnati nel ruolino. Sparring partner. In realtà, il demone di Freud, come quello di Descartes, lavora per la sicurezza: un collaudatore-rassicuratore. Così si legge ne L’avvenire di un’illusione, capitolo III:

Una ricerca che proceda indisturbata come un monologo non è del tutto esente da pericoli. Si cede troppo facilmente alla tentazione di scartare, accantonandoli, pensieri che intendono interromperla e si genera in cambio un senso di insicurezza che alla fine si vuole superare con una risolutezza eccessiva. Immaginerò dunque un oppositore che segua le mie argomentazioni con diffidenza, e qua e là gli cederò la parola.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cultura/Società, Filosofia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...